Scorri
Rivista Idraulica 58

Tipologie e caratteristiche delle valvole termostatiche

In base alle caratteristiche ed all’evoluzione tecnica dei comandi installati sulle valvole radiatore, è possibile classificarli in:

  • valvola radiatore con comando termostatico (chiamata per semplicità in questo e altri articoli correlati valvola termostatica tradizionale);
  • valvola radiatore con comando elettronico (chiamata per semplicità in questo e altri articoli correlati valvola termostatica elettronica);
  • valvola radiatore con comando connesso (chiamata per semplicità in questo e altri articoli correlati valvola termostatica connessa).

Queste ultime, in particolare, rappresentano una novità apparsa recentemente sul mercato e di cui andremo ad approfondire i principali aspetti nell'articolo "Valvole termostatiche connesse".

Grazie ai comandi termostatici di cui sono dotate, queste valvole sono in grado di effettuare in modo autonomo la regolazione della temperatura ambiente ad un valore fisso di set-point. Il loro principio di funzionamento è di tipo meccanico, senza necessità di alimentazione elettrica, e si basa sulla modulazione della portata del fluido scaldante. In questo modo sono in grado di regolare l’emissione termica dei radiatori, così da mantenere stabile il livello di comfort a valori di temperatura direttamente impostabili sui comandi stessi.

Il principale limite sta nel fatto che consentono unicamente di mantenere le condizioni di comfort desiderate all’interno dei singoli ambienti senza nessuna possibilità di essere programmate. Non sono in grado, cioè, di gestire temperature differenti  all’interno dei singoli locali in relazione alle fasce orarie o ai giorni della settimana.

È una limitazione a cui non si può ovviare negli impianti a colonne montanti. Nel caso di impianti di tipo a zona, invece, è parzialmente superabile abbinando uno o più cronotermostati, sezionando l’impianto in più zone in modo tale da separare gli ambienti domestici caratterizzati da differenti abitudini di utilizzo.

Fig. 8: Funzionamento delle valvole termostatiche tradizionali

Sono valvole dotate di comandi di tipo elettronico in grado di regolare la temperatura ambiente a più valori di set-point. Il loro funzionamento avviene attraverso l’alimentazione elettrica, normalmente garantita da batterie di uso comune. Questa tipologia di comandi è solitamente dotata di una sonda digitale per la rilevazione della temperatura nel locale e di un termostato che permette di programmare, a livello giornaliero e settimanale, le temperature desiderate. A seconda della rilevazione effettuata il comando è quindi in grado di valutare lo scostamento di temperatura rispetto al set-point impostato. Di conseguenza, il motore elettrico effettua una modulazione in apertura o in chiusura della valvola, regolando la portata all’interno del corpo scaldante ed il calore emesso in ambiente.

Rispetto alle valvole termostatiche tradizionali, la programmabilità è quindi il vantaggio più importante poiché permette la gestione di temperature differenti in ogni locale sia a seconda del periodo della giornata sia alle esigenze di utilizzo dei locali stessi. Inoltre, sono spesso presenti anche alcuni semplici funzioni aggiuntive tipiche dei classici termostati, come la possibilità di impostazione in modalità vacanze per interrompere temporaneamente la normale programmazione o la protezione antigelo per evitare danni in caso di assenze prolungate in condizioni climatiche particolarmente rigide.

Fig. 9: Funzionamento delle valvole termostatiche elettroniche

Le valvole termostatiche connesse sono dotate di comandi di tipo elettronico di nuova generazione e funzionano regolando il livello di comfort in abbinamento a sensori per la rilevazione della temperatura ambiente e ad un gateway che gestisce e controlla il riscaldamento dell’abitazione e la comunicazione tra i vari dispositivi. Quest’ultima avviene attraverso un collegamento di tipo a onde radio. Si tratta quindi di un sistema di termoregolazione di cui fanno parte diversi componenti, controllabili da remoto, grazie alle caratteristiche di connettività alla rete Internet.

Per un lungo approfondimento su questo tipo di valvola, rimandiamo all'articolo Valvole termostatiche connesse.

Fig. 10: Funzionamento dei sistemi dotati di valvole termostatiche connesse